Luisa Vicino

Sono una psicologa-psicoterapeuta ad indirizzo sistemico-familiare

Mi sono laureata in psicologia clinica nel 2004 e specializzata in psicoterapia nel 2011.

Nella mia esperienza formativa e lavorativa, ho spaziato tra i diversi ambiti e aspetti della psicologia, aggiornandomi continuamente tramite la partecipazione a corsi e convegni, ma soprattutto attraverso i tirocini, il lavoro con le persone, le famiglie e il confronto con colleghi e colleghe di maggiore esperienza.

In ordine cronologico, mi sono occupata (e mi occupo ancora) di:

  • Neuropsicologia nell'area adulti (diagnosi e riabilitazione di adulti con patologie neurologiche come demenza, ischemia crebrale, Morbo di Parkinson...)
  • Neuropsicologia dell'età evoluitva (diagnosi e trattamento di disturbi cognitivi tra cui DSA, disturbi dell'attenzione.......)
  • Psicologia dell'età evolutiva (problematice emotivo-relazionali, sostegno alla genitorialità, conduzione di incontri di accompagnamento all nascita..)
  • Formazione in vari ambiti (corsi rivolti a inegnanti, genitori, operatori di strutture residenziali per anziani, su tematiche inerenti sviluppo del bambino,la comunicazione,la gestione delllo stress lavoro correlato...)

Attualmente svolgo la mia attività come libero professionista consulente presso la scuola dell’infanzia/asilo nido “Città di Alba” , presso l’Istituto Comprensivo Quartiere Moretta di Alba e presso una struttura residenziale per anziani dove mi occupo di sostegno psicologico ai familiari, agli operatori e agli ospiti.

Collaboro inoltre (dal 2004) con la SOC di Psicologia dell'Asl CN2 Alba-Bra presso il Servizio di Psicologia dello Sviluppo di Alba. 

 

DI COSA MI OCCUPO PRESSO LO "STUDIO AGAPE":

Di sostegno psicologico e/o psicoterapia rivolti ad adulti e adolescenti con disagio psichico (disturbi d’ansia, disturbi psicosomatici, dell’umore, del comportamento alimentare….. ), ma anche a coppie (consultazione di coppia, psicoterapia di coppia) e a famiglie (problematiche relazionali, comunicative, genitoriali.....) . L’approccio sistemico-relazionale prevede infatti che il terapeuta lavori, a seconda dei sintomi e della richiesta di chi si rivolge a lui, con l’intero nucleo familiare, con la coppia e/o con l’individuo.

In tutte questi contesti l’attenzione dello specialista viene posta sul sistema di relazioni che hanno influenzato il comportamento dell’individuo, che a sua volta influenza il suo contesto relazionale (“il fiume modella le sponde e le sponde guidano il fiume" Bateson ,1976).

L’obiettivo della psicoterapia  è quello di favorire, attraverso una maggiore consapevolezza delle origini e delle conseguenze dei propri comportamenti disfunzionali, la riscoperta e l’utilizzo di risorse presenti nell’individuo e/o nella famiglia e la possibilità di adottare comportamenti relazionali alternativi, che consentono il raggiungimento di un maggiore benessere psicofisico.                                                                                                                                         Durante il primo incontro, mi soffermo brevemente a spiegare, a chi mi trovo di fronte, quali sono i principi che contraddistinguono il mio approccio terapeutico, ma anche e soprattutto tempi e durata degli incontri. Racconto allora che laddove sia necessaria una psicoterapia, non esiste per me un protocollo preconfezionato, ma in un primo momento ci si incontra con tempi più ravvicinati (una volta la settimana), utili a stabilire l’alleanza terapeutica e comprendere al meglio le diverse sfaccettature della persona, della coppia e/o della famiglia. Dopo questi primi incontri, le sedute possono essere distanziate, poiché il tempo che intercorre tra un incontro e l’altro è tempo di lavoro, che permette al “sistema” di attuare i cambiamenti di cui si è discusso insieme.                                       A volte non è strettamente necessario intraprendere una psicoterapia per superare un momento di empasse o affrontare delle variazioni nel proprio contesto di vita; in questi casi, dopo aver stabilito con il “cliente” gli obbiettivi da raggiungere, possono essere sufficienti alcuni incontri di consulenza.

"La vita non è quello che dovrtebbe essere,è quello che è. E' come l'affrontiamo che fa la differenza" (Virginia Satir)

"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi" (Marcel Proust)